RASSEGNA STAMPA

SCOOPPIATI, A RITMO DI INTEGRAZIONE

Tutta un’altra band che fa cover, ha scritto il suo primo brano (Fallo!), sta preparando una demo e il 28 giugno sarà in concerto al teatro Arvalia di Roma. Nato due anni fa, mescolando musica e divertimento, il gruppo si chiama Scooppiati ed è formato da tre operatori della cooperativa sociale H-Annozero onlus, tre volontari e sei persone disabili tra voce e percussioni. Il debutto? Al premio Fabrizio De André e al Festival della Musica Impossibile di Falconara (Ancona). La band, che ha una pagina Facebook, nasce all’interno di “Su x le scale”, «progetto ideato per integrare la disabilità attraverso la musica – racconta Giuseppe Salis, uno dei responsabili e chitarrista per hobby –. L’obiettivo era quello di dimostrare le capacità di chi è affetto da sindrome di Down e di Williams, autismo e disabilità fisica». E così è stato: «Scelgono le canzoni, studiano i brani a lungo e al pubblico piacciono».

Info: www.h-annozero.it.

[M.T.]